Nozze gay legali in Portogallo, i vescovi: "Passo indietro" - vescovi portoghesiBASE 1 - Gay.it Archivio

Nozze gay legali in Portogallo, i vescovi: “Passo indietro”

“Un passo indietro nella coesione sociale” questo sono i matrimoni tra omosessuali per la Conferenza episcopale portoghese. Il Portogallo è il sesto paese europeo in cui i gay si possono sposare.

Nozze gay legali in Portogallo, i vescovi: "Passo indietro" - vescovi portoghesiF1 - Gay.it Archivio

Da ieri i matrimoni gay sono legali anche in Portogallo. Il paese lusitano è il sesto paese d’Europa ad approvare le nozze tra persone dello stesso sesso, mentre sono dodici, in tutto, i paesi europei che riconscono, con diverse forumle, le unioni gay. L’approvazione dei matrimoni omosessuali sono "un passo indietro nella costruzione della coesione sociale" secondo padre Manuel Morujao, portavoce della Conferenza episcopale portoghese, che ha così commentato la legge che il presidente della Repubblica, Anibal Cavaco Silva, ha deciso di varare, dopo che l’11 febbraio scorso era stata approvata dal parlamento e nonostante alcune indiscrezioni paventassero un veto in "omaggio" a Ratzinger appena rientrato dalla sua prima visita in Portogallo.

Nozze gay legali in Portogallo, i vescovi: "Passo indietro" - vescovi portoghesiF2 - Gay.it Archivio

In una nota diffusa ieri sera, padre Morujao scrive: "Prendendo atto della decisione del Presidente della Repubblica di promulgare la legge che legalizza il matrimonio tra persone dello stesso sesso" la Conferenza episcopale dichiara innanzitutto che "questa legge costituisce un passo indietro nella costruzione della coesione sociale, ed è in contrasto con uno dei principi più consolidati delle diverse civiltà del genere umano". A questo proposito il portavoce dei vescovi portoghesi ricorda quanto Benedetto XVI aveva detto non più di una settimana fa a Fatima parlando ai rappresentanti delle istituzioni sociali cattoliche chiedendo loro di "tutelare i valori essenziali e primari della vita, dal suo concepimento, e della famiglia, fondata sul matrimonio indissolubile tra un uomo e una donna". La nota conclude: "Lo scorso 13 maggio a Fatima, Papa Benedetto XVI ha ricordato che la famiglia è fondata sulla unione di amore tra un uomo e una donna, e che la sua tutela è uno dei fattori chiave per la costruzione del bene comune".